Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lo spread cala, la disoccupazione e l’inflazione crescono, il Pil “respira” (poco)

Ieri lo spread fra il BTp e il Bund a 10 anni è sceso da 355 a 308 punti in una sola seduta portando il rendimento al 4,94%, ovvero ai minimi da agosto dell’anno scorso. Segno che la tensione sui nostri titoli di stato, anche quelli a più lunga scadenza, si sta effettivamente smorzando.

Una tensione che rimane invece alta sul fronte del lavoro. Secondo le stime provvisorie diffuse ieri dall’Istat, a gennaio il tasso di disoccupazione è salito al 9,2% della popolazione attiva (+0,2% su dicembre, +1% su base annua) toccando i massimi da gennaio 2004 (inizio serie storiche mensili). Il numero dei disoccupati aumenta di 64mila unità su base mensile – a 2,312 milioni di unità – e di 286mila a livello tendenziale (+14,1%, maggior livello da gennaio).

Sale anche la tensione sul versante dei prezzi e (con essa il malessere delle famiglie), principalmente a causa del rincaro dei carburanti (la benzina è salita al +18,7% e il gasolio al +25,4%). A febbraio, secondo le stime preliminari Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo ha registrato un aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,3% nei confronti di febbraio 2011.

Quanto all’andamento del Pil, nel 2011 è cresciuto dello  0,4% (contro il +1,8% messo a segno nel 2010), ma per effetto della domanda estera netta che ha contribuito per 1,4 punti percentuali); la domanda nazionale ha infatti dato un contributo negativo per 0,4 punti (-0,5% le scorte). Più confortante l’andamento del rapporto deficit/Pil che l’anno scorso si è attestato al 3,9% (in calo rispetto al 2010, quando era stato pari al 4,6%) e il ritorno all’avanzo primario (pari all'1% del Pil).

Preoccupa, invece, il rapporto debito/Pil, salito al 120,1% dal 118,7% del 2010. Il dato, elaborato dalla Banca d'Italia, è stato diffuso dall'Istat, che lo ha indicato come il più elevato dal 1996. Magra, magrissima, consolazione: la pressione fiscale è lievemente scesa, attestandosi al 42,5% del Pil (42,6% nel 2010).