Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Meno male che c’è la Bei: nel 2011 erogati all’Italia finanziamenti per 9,1 miliardi

Con oltre 9 miliardi di euro di finanziamenti erogati nel 2011, la Banca europea degli investimenti ha portato avanti il suo impegno in Italia segnando un nuovo record. In tempi di credit crunch, come quelli che stiamo attraversando, è una notizia che non poteva certo passare inosservata.

Il presidente Werner Hoyer, ieri a Roma per presentare il rapporto sulle attività dello scorso anno, ha parlato di “sviluppi politici ed economici molto promettenti” nella penisola negli ultimi mesi, aggiungendo che “la Bei è pronta a dare il suo contributo a questo successo”.

L’impegno per per le Pmi. Una parte rilevante di questo impegno riguarda piccole e medie imprese: sui 9,1 miliardi di euro mobilitati in Italia, alle Pmi la Bei ha erogato ben 3,5 miliardi (sui 13 miliardi concessi alle Pmi a livello comunitario). Ancor più significativo il numero di Pmi italiane che hanno ricevuto finanziamenti: circa 20mila, praticamente il doppio rispetto al 2010.

Ora focus sul Sud. Dopo la fase di incremento degli interventi nell'Ue negli ultimi anni, la Bei – l'istituzione finanziaria dell'Unione europea creata nel 1957 (con il Trattato di Roma) per il finanziamento degli investimenti atti a sostenere gli obiettivi politici dell'Unione – si sta inevitabilmente ri-orientando verso una normalizzazione dei suoi prestiti, anche in Italia. Sull'ammontare dei fondi che verranno erogati in Italia "è troppo presto per fare previsioni sul 2012", ma Hoyer si dice certo di una cosa: "posso dire che è nel Mezzogiorno che dobbiamo agire. E siamo pronti a farlo, siamo in attesa di ricevere progetti". I naviganti sono avvisati.