Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il mondo scommette su Expo 2015, ben 60 Paesi avranno un padiglione tutto loro

"Tutto il mondo scommette sull’Expo italiana. Abbiamo ampiamente superato il traguardo che ci eravamo prefissati: con 142 Paesi aderenti oltre l’80% della popolazione mondiale è già rappresentata all’Expo. Un vero record. Milano e l’Italia diventeranno il “place to be” del 2015. Un’altra cifra record è quella dei Paesi che hanno deciso di costruire un proprio Padiglione nazionale: sono ben 60, mentre all’Expo di Shanghai erano 42". Così il presidente di Expo 2015 Spa e Commissario Generale di Sezione Padiglione Italia, all'inaugurazione della 18ma edizione di Milano Unica, che si svolgerà dall’11 al 13 febbraio a Fieramilanocity.

Un invito a “mettercela tutta perché tutte le scadenze vengano rispettate” è arrivato dal presidente del Consiglio Enrico Letta. Il premier ha anche affermato che "l'Expo sarà una grande occasione per creare posti di lavoro" e ha lanciato un appello alle aziende italiane: "Ci sono tanti  posti di lavoro a disposizione: si facciano avanti, prendano contatti con i padiglioni che  saranno costruiti, altrimenti queste occasioni saranno  sfruttate da altri".

Che l’Expo 2015 sia una straordinaria opportunità per le nostre imprese, un volano anticiclico e un’occasione concreta di crescita economica e occupazionale lo dice anche un recente studio commissionato dalla Camera di Commercio di Milano alla Sda Bocconi. Secondo la ricerca, i posti di lavoro creati tra il 2012 e il 2020 da Expo saranno complessivamente 191mila: 102 mila a Milano, 27 mila nelle altre province lombarde e 62 mila nelle diverse regioni italiane. La stima dell’occupazione generata tiene conto degli investimenti di Expo spa, dei Paesi partecipanti, dell’aumento dei consumi legato ai milioni di visitatori e dell’incoming turistico.

“Fino al 2015 – sostiene ancora la Bracco – l’occupazione attivata da Expo riguarderà principalmente il settore delle costruzioni e del comparto industriale, invece nel corso dell’evento sarà la volta di turismo, servizi all'impresa, eventi e servizi alla persona. Sul territorio nazionale la produzione aggiuntiva generata da Expo sarà di 23,6 miliardi di euro, di cui 15,8 a Milano e Lombardia. Complessivamente questo volume d'affari genererà un valore aggiunto, cioè un margine economico effettivo al lordo delle tasse, in Italia di 10 miliardi di euro”.