Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La disoccupazione torna a salire: nell’area Ocse 46 milioni di senza lavoro

La disoccupazione nell'area Ocse è cresciuta a febbraio di 0,1 punti percentuali (al 7,6%) interrompendo una flessione che durava da tre mesi. Le persone in cerca di lavoro nell’area sono 46 milioni, 3,8 milioni in meno rispetto al picco toccato nell'aprile del 2010, ma ancora 11,4 milioni in più rispetto ai livelli pre-crisi di luglio 2008. Nell'area euro la disoccupazione resta stabile per il quinto mese consecutivo all'11,9% con un tasso del 5,1% in Germania, del 13,0% in Italia (dal 12,9% di gennaio) e del 25,6% in Spagna. A guidare la classifica è il Giappone, con appena il 3,6% di disoccupati, seguito da Corea del Sud (3,9%) e Messico (4,7%).

Tra i giovani il tasso di disoccupazione scende di 0,9 punti rispetto ad un anno fa (al 15,5%), ma resta ben nove punti sopra quello delle persone oltre i 25 anni (6,5%). Livelli ''eccezionalmente alti'' di senza lavoro tra i giovani greci (58,3%), spagnoli (53,6%), italiani (42,3%) e portoghesi (35%). Secondo le stime contenute nel World economic outlook dell’Fmi (diffuso ieri ), la disoccupazione italiana si dovrebbe attestare al 12,4% quest’anno (in salita dal 12,2% del 2013) per calare all’11,9% nel 2015.

Sono, dunque, sempre più necessarie, le riforme. Soprattutto quella del mercato del lavoro (contratto unico e riduzione del cuneo fiscale). Avviso ai naviganti. L’ennesimo. Sperando che sia l’ultimo!