Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Franco Tosi salva. Alberto Presezzi promette rilancio e produzione a Legnano

“Nessun licenziamento alla Franco Tosi di Legnano: finalmente una bella notizia per i 346 lavoratori e per tutti i cittadini del legnanese. Questa vicenda dimostra che quando le istituzioni, la politica e la società civile si uniscono trasversalmente in difesa del proprio territorio ottengono dei grandi risultati”. Il vicepresidente del Consiglio regionale lombardo, Fabrizio Cecchetti, ha commentato così l’accordo raggiunto tra il gruppo Bruno Presezzi (che ha rilevato l’azienda), i sindacati (ma la Fiom ha lasciato il tavolo) e la Franco Tosi Meccanica, azienda specializzata nella produzione di turbine.
Un accordo che garantisce il mantenimento di tutti i posti di lavoro, oltre che degli attuali livelli retributivi della storica azienda di Legnano e che assicura anche l’applicazione dell’articolo 18 nei casi di licenziamenti disciplinari. Un accordo raggiunto anche grazie all’adesione dei 72 lavoratori che con un’operazione solidaristica nei confronti dei colleghi più giovani hanno aderito ad un percorso che vede l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per il raggiungimento della pensione.
Soddisfatti i sindacati. Per il segretario della Uilm Milanese, Vittorio Sarti, si scrive “un nuovo capitolo della storia di Franco Tosi”. Ermanno Cova, segretario regionale Fim Lombardia, ricorda i momenti salienti della trattativa: “L’offerta iniziale degli acquirenti non prevedeva soluzioni lavorative per quasi 140 persone, mentre voleva ripartire con nuovi rapporti di lavoro e trattamenti retributivi ricondotti ai minimi contrattuali oltre che l’integrale applicazione del Jobs Act. Inoltre, abbiamo scongiurato la certezza del fallimento in caso di naufragio della trattativa con il conseguente licenziamento di tutte le 346 maestranze”.
Per la storica azienda di Legnano (Alto Milanese) si prospetta ora “un futuro all’insegna del rilancio produttivo”. Almeno questa è la promessa formulata lo scorso 31 marzo da Alberto Presezzi, presidente dell’omonima società brianzola acquirente della Franco Tosi, al termine di un incontro al ministero dello Sviluppo Economico, presieduto dal viceministro Claudio De Vincenti. In quell’occasione era stato illustrato un piano industriale che, a giudizio dei presenti, “dà le necessarie garanzie di una solida prospettiva produttiva e che conferma la presenza dell’insediamento a Legnano”.
La Bruno Presezzi impegnerà notevoli risorse economiche nel rilancio della Franco Tosi. In aggiunta al prezzo di acquisto e di affittanza (quasi 7 milioni di euro) e dei previsti investimenti iniziali per oltre 2 milioni di euro (manutenzione dei macchinari, trasferimento degli uffici nella storica palazzina di piazza Monumento, sostituzione di tutto il sistema informatico aziendale) dovrà impegnare decine di milioni di euro per garantire la continuità produttiva, puntando all’acquisizione di nuove commesse.

  • ANGELO TARTAGLIA |

    SONO SODDISFATTO DI LEGGERE QUESTA NOTIZIA
    E’ PROPRIO VERO CHE L’IMPRENDITORIA ITALIANA
    E’ LA MIGLIORE , PIENA DI INIZIATIVA , INVENTIVA , COMPLIMENTI ALLA LLA DITTA PRESEZZI

  Post Precedente
Post Successivo