Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In povertà assoluta 4,5 milioni di italiani. E se ci inventassimo la decontribuzione per chi assume un povero?

L’Italia ha otto milioni di poveri, di cui 4,5 milioni in condizioni di povertà assoluta, non possono cioè acquistare il minimo indispensabile per vivere. È una delle “Cento statistiche per capire il Paese in cui viviamo” che fanno parte della consueta pubblicazione che l’Istat dedica all’Italia. Non è una novità, ma è sempre un pugno nello stomaco avere la conferma che diversi milioni di connazionali (circa il 13% della popolazione) vivono ai margini di un Paese che è pur sempre fra quelli che stanno meglio su tutto il Pianeta. È mai possibile che nessun Esecutivo di nessun colore non riesca a trovare il modo di rimuovere questa piaga? Il reddito d’inclusione, 485 euro destinati a due milioni di persone indigenti (il Governo ha tempo fino a maggio per dare attuazione alla delega del Parlamento) è solo la primissima pietra nella lotta alla povertà assoluta. Ma le risorse sono ancora scarse. Si può e si deve fare di più. E se ci inventassimo una decontribuzione anche per le imprese che assumono un povero?